COLLEGIO UNIVERSITARIO DEI CAVALIERI DEL LAVORO
"LAMARO POZZANI"
EN
NEWS 2010/2011
Please Wait
Please Wait
| | |
L'Onorevole Alfredo Mantovano sull'Islam in Italia.
Il Sottosegretario del Ministero degli interni, L'On. Alfredo Mantovano, discute con gli ospiti del Collegio sui rapporti tra le comunità  islamiche e la pubblica amministrazione italiana.

L'On. Alfredo Mantovano, Sottosegretario del Ministero degli Interni, ha incontrato gli studenti del Collegio per discutere delle vicende delle comunità islamiche in Italia, del rapporto di queste con la pubblica amministrazione e del tema della rappresentatività. In particolare, avendo cura di mantenere le distanze dal volto più sensazionalistico della problematica, il nostro ospite ha illustrato composizione e obiettivi del

L'On. Alfredo Mantovano, Sottosegretario del Ministero degli Interni

Comitato per l'Islam Italiano, organismo  operante all'interno del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Viminale costituito il 10 Febbraio 2010 dal Ministro Maroni.
Il Comitato, che svolge una preziosa funzione consultiva pur non rispondendo ad alcuna intenzione di rappresentanza per la comunità islamica, conta fra i suoi membri personaggi di spicco della cultura islamica in Italia e si è già confrontato con  questioni che tanto scalpore hanno suscitato in altri paesi europei (in molti casi con una notevole esperienza di immigrazione), ponendosi di fronte  a problemi di carattere giuridico-amministrativo complessi, come ad esempio quello del Burqa, della Kafalah, dello statuto di predicatori e dei luoghi di culto.

L'On. Mantovano ha sottolineato come il comune rispetto della Legge italiana possa costituire lo strumento più valido per evitare incomprensioni di natura culturale e civile con la comunità islamica. La trasparenza nei rapporti fra comunità e territorio a vari livelli (non da ultimo a quello amministrativo) rappresenta un passaggio obbligato per un paese che vuol riconoscere nella reciproca comprensione la più proficua strategia di cooperazione e integrazione.

-
-
-