COLLEGIO UNIVERSITARIO DEI CAVALIERI DEL LAVORO
"LAMARO POZZANI"
EN
NEWS 2010/2011
Please Wait
Please Wait
| | |
Paola Santarelli: l'importanza della determinazione
Il Cavaliere del Lavoro Paola Santarelli racconta la sua esperienza imprenditoriale. Impegno, serietà , determinazione, ma anche amore per l'arte: il dott. Paolo Vitellozzi ha chiuso infatti l'incontro con una lezione sulla glittica del mondo antico.

Il 18 novembre il Collegio ha ospitato il Cavaliere del Lavoro Paola Santarelli, amministratore unico della “Co. Ge. San. Costruzioni” e cofondatrice della “Fondazione Dino e Ernesta Santarelli Onlus”, che opera nel campo dell'arte finanziando ricerche, sostenendo musei, istituendo borse di studio e organizzando mostre e convegni.

Il Cavaliere del Lavoro Paola Santarelli

L'imprenditrice romana ha ripercorso i momenti salienti della propria carriera nel settore immobiliare privato, sottolineando l'importanza della determinazione nel seguire le proprie aspirazioni e ambizioni, soprattutto nelle fasi iniziali di un percorso professionale.

L'impatto con il mondo del lavoro è sempre difficile e occorre resistere alla tentazione di cercare “scorciatoie” rispetto al rigore dell’impegno e alla serietà della preparazione e dei comportamenti. È solo puntando su questi valori della persona che si costruiscono realtà di successo in grado di durare nel tempo.

Dopo un breve dibattito, che si è concentrato sull'eco-sostenibilità del settore edile e le opportunità offerte alle nuove generazioni dalla ripresa economica, la discussione ha virato verso l’arte classica. Paolo Vitellozzi, giovane e già brillante studioso, ha tenuto una apprezzatissima lezione sulla Glittica nel mondo antico, basata anche sull'analisi di diversi oggetti raccolti dalla Fondazione Santarelli.

Un modo concreto per illustrare il rapporto fra il mondo dell’impresa e quello dell’arte e della cultura, ma anche l’importanza della valorizzazione del talento di coloro che cercano oggi di intraprendere l’attività di ricerca in settori troppo spesso lasciati in ombra.

 

-
-
-