COLLEGIO UNIVERSITARIO DEI CAVALIERI DEL LAVORO
"LAMARO POZZANI"
EN
NEWS 2014/2015
Please Wait
Please Wait
| | |
Francesco Bonini: le università non statali e il ruolo del Presidente della Repubblica.
Francesco Bonini: "Le Università  non statali e il ruolo del Presidente della Repubblica".

Martedì 9 dicembre gli studenti del Collegio hanno incontrato il Professor Francesco Bonini, Magnifico Rettore dell’Università LUMSA di Roma dall’agosto di quest’anno e professore ordinario di Storia delle Istituzioni Politiche. L’intervento si è articolato in due momenti distinti: nel primo il relatore ha discusso il ruolo delle Università non statali; nel secondo si è concentrato sulla figura del Presidente della Repubblica nel nostro sistema istituzionale. 

Il Professor Francesco Bonini,
Magnifico Rettore dell’Università LUMSA di Roma

Discutendo della prima tematica, è emersa la difficoltà di una definizione univoca dell’istituzione universitaria, nata come “corporazione” di docenti e studenti e per questo difficilmente assimilabile alla struttura amministrativa, della quale costituisce, comunque, una parte non trascurabile. Quello italiano si presenta come un sistema di alta istruzione integrato ed equilibrato, che prevede soggetti statali e non statali organizzati sulla base del principio di autonomia. Il Rettore della Lumsa si è poi soffermato su due questioni: la differenziazione tra i vari soggetti che formalmente chiamiamo “università” e l’integrazione dell’Italia nel più ampio sistema internazionale ed europeo. 

Il professor Bonini, nel suo ruolo di docente di istituzioni politiche, ha poi delineato la figura del Presidente della Repubblica nel nostro ordinamento, riconducendola ad una storia che affonda le sue radici nella metà del diciannovesimo secolo e, più precisamente, nell’alternativa spesso non risolta fra due modelli: il sovrano “regnante” e il sovrano “governante”, che a differenza del primo interviene in modo anche deciso nella quotidianità delle vicende politiche. Ripercorrendo la storia recente del nostro paese, il professor Bonini ha infine illustrato in questa prospettiva il ruolo giocato dai vari Presidenti della Repubblica, che hanno fatto un uso diverso e progressivamente sempre più incisivo dei poteri previsti dalla Costituzione. 

 
-
-
-